Para Sailing Academy: la rivoluzione della vela inclusiva a Passignano con la prima tappa del Trofeo Optimist Kinder Joy of moving 2024

In un significativo passo avanti verso lo sport inclusivo, la Federazione Italiana Vela ha presentato oggi sabato 9 marzo, il progetto per il nuovo anno della “Para Sailing Academy” durante una conferenza stampa tenutasi al Club Velico Trasimeno di Passignano sul Trasimeno, in concomitanza con la prima tappa del Trofeo Optimist Kinder Joy of moving 2024.

L’evento ha visto la partecipazione tra l’altro di Fabio Colella, Consigliere Federale, Andrea Leonardi, presidente della II Zona FIV, Sandro Pasquali, sindaco del Comune di Passignano, e Giovanni Rosi, presidente del Club Velico Trasimeno. La presenza di tecnici e atleti federali ha sottolineato l’importanza di questo progetto per le associazioni dell’intero territorio umbro.

La “Para Sailing Academy” mira a rendere la vela uno sport accessibile a tutti, attraverso l’uso delle imbarcazioni inclusive Hansa 303, progettate per permettere anche agli atleti con difficoltà di navigare in totale sicurezza e autonomia.

Fabio Colella ha evidenziato l’importanza strategica di iniziative come questa per la Federazione Italiana Vela, puntando sull’obiettivo di avvicinare settori sociali cruciali: “Oggi è un giorno straordinario per noi della Federazione Italiana Vela. È con grande soddisfazione che guardo all’inizio di questa meravigliosa nuova avventura insieme a IBSA che già l’anno scorso ha creduto nella Para Sailing Academy. La vela è più di uno sport; è un ponte verso l’inclusione, un abbraccio aperto a tutte le famiglie, specialmente a quelle che si trovano ad affrontare sfide maggiori nel coinvolgere i propri cari in un’attività sportiva. Oggi, grazie a questo progetto, la vela diventa un faro di speranza e di uguaglianza, offrendo a tutti la possibilità di navigare insieme, al di là di ogni differenza. È un onore poter iniziare questo viaggio da Passignano, mano nella mano con la Classe Optimist e con il sostegno fondamentale di Kinder Joy of moving, in un’iniziativa di portata senza precedenti. È un altro grande tassello che aggiungiamo a un progetto che vede la vela inclusiva al centro dei pensieri della Federazione Vela. La Classe Optimist, e Walter Cavallucci per primo, ha saputo cogliere questo messaggio con grande slancio, così come solo chi ama la vela e i giovani sa avere. Il mio cuore trabocca di gratitudine verso le istituzioni, ed in modo particolare desidero esprimere il mio più sincero ringraziamento al sindaco, la cui autenticità e positività hanno instillato grande fiducia nel nostro progetto. Questo è un momento di celebrazione per la comunità, una dimostrazione vibrante di cosa possiamo realizzare insieme.”

Andrea Leonardi ha invece sottolineato la crescita territoriale e l’impegno congiunto che stanno portando numerose opportunità nel mondo della vela inclusiva: “A livello di territorio siamo cresciuti tantissimo e l’impegno di tutti sta favorendo le molte opportunità di crescita nello sport velico inclusivo. Il sorriso delle persone che vivono giornate come queste ci dà forza per la continuazione di un percorso già adesso intenso e ricco di grandi soddisfazioni”.

Questa iniziativa si inserisce in un più ampio contesto di promozione dello sport inclusivo, confermando l’impegno della Federazione Italiana Vela verso l’integrazione e l’accessibilità. Con il supporto di enti e associazioni locali per la sua diffusione, il progetto “Para Sailing Academy” che vede IBSA al suo fianco già dallo scorso anno, si propone di diventare un punto di riferimento per l’inclusione nello sport della vela, offrendo nuove opportunità a chiunque desideri avvicinarsi a questa disciplina, indipendentemente dalle proprie abilità.