Un’innovativa iniziativa: World Sailing e Federazione Vela insieme a Cagliari per l’Inclusive Development Programme all’interno della Sardinia Sailing Cup

Dal 6 al 10 novembre, Cagliari ospiterà una straordinaria iniziativa nell’ambito del settore Para Sailing: l’Inclusive Development Programme. Questo programma, realizzato in collaborazione tra World Sailing e la Federazione Italiana Vela, è parte integrante del percorso di crescita e sviluppo dedicato al Para Sailing ed è inserito all’interno della più ampia manifestazione Sardinia Sailing Cup.

L’Italia, inoltre, sta lavorando a livello europeo per l’istituzione di un Hub internazionale dedicato proprio al Para Sailing, rafforzando così ulteriormente il suo impegno in questo campo. Il percorso fortemente voluto dal Presidente Ettorre e dal Consiglio Federale ha preso vita con l’istituzione della Para Sailing Academy: un’eccellenza creata dalla Federazione Italiana Vela per promuovere in maniera itinerante l’inclusività della vela sul territorio italiano. L’Academy offre opportunità di apprendimento e sviluppo per giovani velisti con disabilità, consentendo loro di scoprire il mondo della vela in modo sicuro ed emozionante. La collaborazione tra la Para Sailing Academy e World Sailing contribuisce a rendere l’Inclusive Development Programme una realtà di successo, promuovendo la crescita della vela inclusiva su scala internazionale. La Federazione Italiana Vela, con il suo impegno costante, continua a sostenere l’Academy, dimostrando l’importanza della diversità e dell’inclusività nella vela.

L’Inclusive Development Programme di Cagliari offre un’intensa esperienza di formazione e crescita sia per gli atleti che per i coach. Durante questi cinque giorni, i partecipanti avranno l’opportunità di esplorare tematiche di natura tecnico-tattica, acquisire approfondimenti nell’ambito della formazione e mettere in pratica le conoscenze acquisite durante le attività in acqua. Al termine del programma, è prevista la regata con atleti internazionali, dove potranno dimostrare le competenze tecniche e tattiche nel campo di regata.

Un altro elemento eccezionale di questa iniziativa è la stretta collaborazione con Luna Rossa Prada Pirelli che permetterà ai partecipanti di interagire direttamente con alcuni membri del team e di visitare la base, offrendo una panoramica unica dietro le quinte di uno dei team di vela più prestigiosi al mondo.

Questo quanto dichiarato dal Presidente Francesco Ettorre: “La nostra academy rappresenta un’eccellenza per la vela. La Para Sailing Academy ha dimostrato ancora una volta la sua vitalità e il suo impegno nell’ambito del Para Sailing. Questa iniziativa rafforza il nostro impegno verso una vela inclusiva e ci avvicina alla creazione di un Hub internazionale dedicato al Para Sailing. Ringrazio per l’impegno la Regione Sardegna, l’Autorità Portuale, il Comune di Cagliari e tutte le istituzioni che hanno permesso di dare concretezza a questo progetto, la III Zona FIV che coordiana tutte queste attività, il Consigliere Fabio Colella che in questi anni si sta impegnando in maniera estremamente attiva verso tutto il mondo Para Sailing e i Tecnici Federali di riferimento che stanno lavorando affinchè tutto questo si possa realizzare. La Sardinia Sailing Cup è una manifestazione che si sta arricchendo di appuntamenti di valore assoluto per la Vela. Siamo fieri di contribuire a questo straordinario percorso e crediamo fortemente nell’importanza di rendere la vela accessibile a tutti.”

Queste le parole dell’Assessore Turismo Regione Sardegna, Gianni Chessa: “La Sardegna continua a navigare sull’onda dei successi sportivi per quanto riguarda la vela internazionale, e l’ennesimo evento della Sardinia Sailing Cup giunto al suo secondo atto con le Academy e trofeo internazionale per la vela inclusiva che si svolgerà al molo Ichnusa a Cagliari dal 7 al 9 novembre ne è la prova. Risonanza mondiale e un evento speciale che allarga la visione della vela nella nostra Regione.”

“Il progetto Inclusive Development Programme di Cagliari rappresenta un nuovo fondamentale tassello di quel puzzle che stiamo costruendo ormai da vent’anni con l’obiettivo di promuovere lo sport come strumento di benessere, inclusione e integrazione. Un progetto che, sono sicuro, darà nuovo impulso a un movimento, quello del Para Sailing, che negli ultimi tempi, attraverso il lavoro dell’Academy e le tante manifestazioni organizzate in tutta Italia, sta coinvolgendo sempre più giovani e regalando, a livello agonistico, importanti soddisfazioni al nostro movimento. Il mio plauso va quindi al Presidente Ettorre, alla Federazione intera e alla Regione Sardegna per questa iniziativa che ribadisce con forza che inclusione non vuol dire solo mettere insieme atleti paralimpici e olimpici ma, soprattutto, promuovere nel concreto un’unica idea di sport senza confini e senza barriere valorizzando le migliori esperienze e le competenze”. È quanto dichiara Luca Pancalli, Presidente del Comitato Italiano Paralimpico.

“Sono entusiasta di portare il primo programma IDP-C (Inclusive Development Programme- Coaching) in Italia.  – Dichiara Hannah Stodel Para World Sailing Manager – Con la riorganizzazione di ciò che era precedentemente il Para Development Programme, stiamo aprendo la strada a un nuovo ed eccitante percorso verso l’inclusività. Credo sinceramente che il nostro sport sia l’unico sport veramente inclusivo, e la vela offre a tutti la possibilità di vivere la magia! Con questo nuovo corso per allenatori, stiamo accelerando la diffusione della conoscenza e del supporto nella comunità velica per la vela inclusiva e collaboreremo con allenatori straordinari; offrendo a 6 paesi l’opportunità di creare programmi fantastici. Anche la Para Sailing Academy italiana è uno strumento prezioso e davvero un esempio fantastico di ciò che è possibile. Crea anche opportunità per la comunità velica, e penso che ci siano molte lezioni e programmi che altri paesi possono apprendere da essa.”

Questo evento rappresenta un passo importante verso l’espansione e la promozione della vela inclusiva. La Federazione Italiana Vela, in collaborazione con World Sailing, continuerà a sostenere e sviluppare questo genere di iniziative, dimostrando che la vela è uno sport accessibile a tutti.